Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Chi retrocede in B? Due liguri rischiano fortemente

Il Genoa è retrocesso in Serie B nel 2021-2022 dopo 14 campionati di fila in massima serie, ma la Liguria non è rimasta “orfana” in Serie A. Infatti, a difendere i colori della regione ci sono Sampdoria e Spezia. In particolare la squadra presieduta dall’americano Platek, qui la notizia ANSA, è una piacevole sorpresa avendo raggiunto un’insperata salvezza l’anno passato. Per il campionato 2022-2023 i giochi si fanno nettamente più duri per le due compagini liguri, anche perché la concorrenza è non soltanto più numerosa rispetto all’anno scorso, ma anche perché è palesemente aumentata la qualità delle squadre dette "minori”. Vediamo quali sono le previsioni per le retrocessioni in B per la stagione 2022-2023.

 

La pausa del mondiale incide sulla lotta per non retrocedere?

Quest’anno gli allenatori delle squadre di club dei massimi campionati si sono trovati un rebus in più al quale non sono abituati. Infatti la stagione 2022-2023 è caratterizzata da una sosta di quasi due mesi per via della prima edizione invernale di un mondiale per nazionali di calcio maschile. Novembre e dicembre saranno completamente “presi” da quest’evento che si terrà in Qatar, e questo potrebbe agevolare le squadre che non hanno nelle proprie rose, molti calciatori impiegati nelle nazionali. In tal senso la Sampdoria ne ha in totale sette, ma forse soltanto Bartosz Bereszynski con la sua Polonia qualificata come si legge su DAZN, sarà il calciatore blucerchiato a partire per il torneo.

L’altra squadra ligure, lo Spezia sponsorizzato da Acerbis, annovera nella propria rosa ben 12 atleti per le nazionali. Tra questi, il portiere Bartlomiej Dragowski è sicuro della convocazione e del ruolo di secondo dietro lo juventino Szczęsny e quindi prenderà parte alla manifestazione. Con lui potrebbero comporre un terzetto tutto spezzino in nazionale anche Reca e Kiwior che il CT Michniewicz ha già chiamato diverse volte. Ci sarà molto probabilmente il gallese Ampadu, che con la nazionale parteciperà alla prima storica rassegna mondiale per la squadra allenata da Robert Page, qui la scheda tecnica sul suo Galles su Asso Analisti.

Si direbbe dunque che lo Spezia potrebbe essere la squadra più penalizzata dal torneo mondiale, senza escludere la Salernitana che dovrebbe veder partire tre calciatori fra cui il centravanti Krzysztof Piatek ex Genoa.

Monza, Lecce, Cremonese, Salernitana, Samp e Spezia a rischio B?

Quando si parla di lotta per non retrocedere la logica vuole che si vadano a menzionare le neopromosse dalla Serie B. In parte potrebbe essere così anche quest’anno visto che per le quote Betway del calcio il Lecce è la squadra meno quotata delle venti per lo scudetto insieme alla Cremonese a 5001. Però è altresì vero che alla fine di settembre la terzultima squadra di queste statistiche risulta essere la Sampdoria, e la quintultima lo Spezia.

Questo perché squadre come Monza e Lecce hanno innanzitutto messo in piedi un mercato di tutto rispetto con la squadra brianzola in particolare protagonista assoluta che ha speso oltre 23 milioni di euro come ci conferma dati alla mano Monza-News sul proprio sito ufficiale.

La situazione in zona retrocessione si fa ancor più complicata perché anche la Salernitana, dopo il miracolo sportivo dello scorso anno, ha nettamente alzato l’asticella portando nel Golfo di Salerno l’ex Antonio Candreva, e l’ex Spezia Maggiore, fra l’altro due vecchi simboli delle due squadre liguri. Giulio Maggiore, in particolare, è nato proprio in Liguria, a Genova, e cresciuto calcisticamente nello Spezia e con gli spezzini ha fatto tutto il percorso fino alla Serie A, con i playoff di B inclusi. Le due liguri devono quindi ben guardarsi quest’anno da compagini che hanno organici forse anche più preparati di Spezia e Samp.

 Inoltre la sosta del mondiale porterà via proprio allo Spezia almeno tre calciatori fondamentali, e molto probabilmente la presidenza rappresentata da Platek a gennaio dovrà muoversi sul mercato. Il discorso per la Sampdoria è leggermente diverso, e nonostante abbia un tasso tecnico più elevato rispetto allo Spezia, è la convinzione a mancare nella squadra di Genova, spesso troppo rinunciataria. Non è un caso che soltanto nel match con la Juventus si è visto quel furore che il Marassi chiede e merita. La bravura della squadra blucerchiata dovrà essere quella di cercare le motivazioni anche quando le partite non sono di cartello come contro la “vecchia signora”, solo così potrà meritarsi un ulteriore anno in Serie A, con la speranza che le squadre liguri in massima serie tornino a essere presto tre, o magari quattro con la Virtus Sanremo Calcio2011 che continua a lottare per dimostrarsi promettente o con altre compagini liguri che hanno fatto bene anche nell'ambita Coppa Italia.

 

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 20/10/2022
Tempo esecuzione pagina: 0,03510 secondi